06/06/2017 – Julien Ingrassia spiega com’è andata la prima giornata di ricognizioni al fianco del tetra campione del mondo Sébastien Ogier. “Nel complesso globalmente le prove sono tutte in buono stato – ha dichiarato il copilota transalpino della MSport – e solo in qualche punto sono state un po’ rotte dalle ultime piogge a Terranova e Monte Olia. A proposito di piogge, quelle cadute negli ultimi giorni non cambieranno nulla, è tornato infatti il bel tempo e saremo così sempre svantaggiati. Puliremo quindi la strada anche stavolta, purtroppo. Se piovesse ancora allora sì che cambierebbe tutto. A mio parere quella di Monte Olia è la speciale più difficile e complicata anche perché la percorreremo in senso opposto. Potrebbero esserci delle sorprese, mentre Monte Lerno, Monti di Alà e Loelle sono come sempre, proprio come ce le aspettavamo”.

Sulla stessa falsariga è anche Jari-Matti Latvala, il pilota della Toyota che è terzo nella classifica del mondiale. “E’ stata una giornata molto positiva – ha commentato il pilota finlandese – con la sorpresa che ho constatato che la prova di Monte Olìa fatta al contrario sarà secondo me la prova più difficile dell’intera gara. Anche i primi 7 chilometri del crono di Monti di Alà non scherzano, mentre Monte Lerno è sempre in ottime condizioni”.

Infine ecco Fabio Andolfi, iscritto alla gara nel Wrc 2 sulla Hyundai i20 R5 della Romeo Ferraris con i colori di ACI Team Italia. “Sono davvero contento di come è andata la giornata – ha commentato il 24enne pilota di Savona -. Le prove sono molto tecniche e difficili, il fondo è buono dove abbiamo girato oggi, vale a dire a Monte Lerno, Monti di Alà, Loelle, Terranova e Monte Olia. Nel complesso la gara è molto simile all’anno scorso, e la pioggia caduta nei giorni scorsi secondo me non inciderà più di tanto”.